Locanda Rossa a Capalbio, un resort chic nel cuore della Maremma

Scritto da Laura Laura  in 

E’ difficile definire in una sola parola la Locanda Rossa. Il termine “locanda” evoca in sé un luogo di ristoro, accogliente e semplice, per il viaggiatore affaticato. E’ l’approccio con cui ci ha aperto le porte di questa dimora di charme Barbara Valleggi, direttrice della Locanda, orbetellana “doc”, avvocato mancato e grande appassionata del suo lavoro.  Il rosso mattone è il colore scelto dalla struttura, ricorda le case cantoniere  e si integra perfettamente con l’ambiente della campagna circostante. Abbiamo trascorso un week-end in questo piccolo angolo di paradiso e tranquillità, nel cuore della Maremma tra il mare della bassa Toscana e le eleganti colline a 140 chilometri circa dalla capitale.  La Locanda si trova per l’esattezza tra Pescia Fiorentina e il borgo medievale di Capalbio, in campagna ma vicino al mare che dista una decina di chilometri.

Locanda Rossa locanda rossa - Locanda Rossa esterno villette 300x200 - Locanda Rossa a Capalbio, un resort chic nel cuore della MaremmaDa cascina abbandonata a resort di campagna chic, la Locanda Rossa ha conosciuto la sua trasformazione nel 2008, con i lavori di restauro voluti dalla proprietaria, Lorenza Jona Celesia, piemontese trapiantata a Roma che ha deciso di lanciarsi dieci anni fa in questa impresa. La ristrutturazione del sito – che oggi conta 12 camere, 2 suite, 4 appartamenti, una SPA, una fitness room, 2 piscine, un ristorante e un bar veranda – è stata curata da mani differenti. Già dal prossimo anno la Locanda si arricchirà di 20 nuove stanze che saranno realizzate durante il periodo di chiusura invernale per essere pronte l’estate.

Della valorizzazione delle aree verdi si è occupato l‘architetto-paesaggista Paolo Pejrone che ha disegnato gli spazi utilizzando piante e fiori tipici della macchia mediterranea: cipressi, siepi di alloro, rosmarino, eucalipti, lecci e teucrium dai caratteristici fiorellini azzurri. L’intera proprietà comprende una distesa di 20 ettari con 3200 ulivi che producono un olio molto gustoso, imbottigliato e venduto nella piccola boutique della locanda, e poi non manca il classico orto con tutti i prodotti di stagione serviti a tavola. L’architetto del verde ha anche disegnato un giardino ottagonale sul quale si affacciano le varie aree del corpo principale della Locanda. Giardino verdissimo, lasciato volutamente vuoto senza arredi nè altre piante o aiuole.

Locanda Rossa: l’architettura e il paesaggio

Il concept architettonico che ha ispirato gli esterni è stato ripreso all’interno. Le camere sono tutte diverse ma hanno un fil rouge rappresentato dalla preziosa collezione di opere d’arte contemporanea presenti in tutti gli ambienti. Appena arrivata ho notato subito nella hall un bellissimo mosaico di specchi di Flavio Favelli e nella veranda esterna una maxi fotografia in bianco e nero con la personalizzazione dell’ambiente di Giuseppe Pietroniro, artisti noti sulla scena attuale e che conosco personalmente. La scelta degli arredi nelle stanze e nei bagni porta la firma dell’interior designer Valeria Giuliani che ha voluto rendere ogni camera originale e diversa dalle altre. La collezione si scopre visitando i vari ambienti della Locanda. Troviamo opere di Paolo Canevari, Mario Merz, Massimo Bartolini, Tristano di Robilant, Giulio Paolini, Elgher Esser e l’iraniana Avish Khebrehzadeh. Valeria Giuliani ha con il marito notaio una Fondazione di Arte Contemporanea a Roma, nella zona del Testaccio.

Locanda Rossa: la struttura

Non esiste una reception vera e propria. Ci si accomoda subito nella hall dal sapore colonial-chic con divani di lino color tabacco e un pavimento di cotto nero spagnolo che fa risaltare gli arredi. La sala per la colazione ricorda molto il ristorante “Gusto” di Roma e in effetti la mano è la stessa, quella dello studio di design Liorni. Atmosfera completamente diversa nell’altro ristorante: può ospitare fino a 50 coperti e si trova all’interno di un’ampia veranda a vetri, stile serra, che dà la sensazione di mangiare in un giardino. Qui prevalgono le tinte rosso e grigio, al centro un trionfo di felci, sul soffitto morbidi drappeggi  e dopo un recente restyling nuove sedute realizzate in esclusiva per la Locanda Rossa, sullo stile dei cafè parigini e una mise en place dei tavoli informale e ricercata.

La veranda esterna con il bar, dove si può anche mangiare seduti sui divani, ricorda molto le atmosfere dei lodge sudafricani con una prevalenza dei toni marroni e beige. Si affaccia direttamente sulla piscina principale (l’altra dedicata ai più piccoli è distaccata dal corpo principale). E’ il luogo ideale per l’aperitivo, prima di passare alla cena. “La Cucina”, il ristorante della Locanda Rossa, aperto anche ai clienti esterni, è curato da Valeria Piccini – chef del bistellato “Da Caino” di Montemerano Manciano – che ha formato la brigata di cucina e fornito la sua consulenza per la preparazione dei menù, periodicamente aggiornati in base ai prodotti coltivati nell’orto. Nella carta troviamo le ricette della cucina  locale come la pappa al pomodoro e i tortelli maremmani riproposti in accostamenti originali e fantasiosi. Nel mio menù degustazione ho potuto assaporare un’ottima tartare di tonno con olive e capperi, un trancetto di pesce spada al forno con cipollotti al limone e un morbido croccante agli agrumi. Il tutto accompagnato dai vini doc locali proposti con grande competenza del sommelier: Vermentino in purezza Terenzi, Viognier in purezza Terenzi e il Passito Petit Manseng sempre della tenuta Terenzi, che si trova tra Scansano e Saturnia. Tra i prodotti a Km zero, il pregiato olio EVO Igp, di cui ho già parlato, ricavato dalla tenuta agricola e il miele naturale proveniente dalle 50 arnie della Locanda.

L’offerta della Locanda Rossa è completata da un’elegante SPA, ideale nei giorni più freschi e nuvolosi. Dotata di piscina interna e percorso benessere completo, dalle docce emozionali alla cromoterapia, al bagno turco, oltre alla presenza di professionisti per trattamenti personalizzati.

Molto intrigante è infine la piccola boutique che propone oggetti curiosi e ricercati: ceramiche, utensili, piatti, tovaglie e tovagliette ma anche indumenti, maglie e accessori vari. Non si può ripartire senza una piccola confezione d’olio o di marmellata della Locanda.

Locanda Rossa: le attività

Cosa fare alla Locanda Rossa? Il resort sposa la filosofia dei bike hotel e fa parte del consorzio “Italy bike hotels”. Qui è possibile noleggiare bici da strada e mountain bike e andare alla scoperta del territorio soli o accompagnati da una guida. Da fine agosto la Locanda propone come intrattenimento anche serate di live jazz. La scelta delle attività e delle escursioni è davvero ricca. Non avrei mai immaginato quanti luoghi ci siano da visitare nei paraggi. Gli ottimi consigli e l’entusiasmo di Barbara Valleggi  ci hanno aiutato a scoprire questa terra. E alle bellezze della Maremma sarà presto dedicata una nuova recensione di Sorelle su Marte.

Per ora vi invitiamo a fermarvi qualche giorno alla Locanda Rossa, immergervi nella sua atmosfera country-chic , tra le dolci colline toscane nel cuore della Maremma, per ritrovare un po’ di relax prima di tornare alla routine quotidiana.

Locanda Rossa
Strada Capalbio Pescia Fiorentina 11/b – 58011 Capalbio (GR)
Tel. +39 0564 890462
www.locandarossa.com

 


Leggi altri articoli di Speciale Estate

MarePineta Resort: il cuore “chic & glam” di Milano Marittima
A Firenze la mostra YTALIA dedicata all’arte contemporanea italiana
Hotel Punta Tragara a Capri: toccare i Faraglioni con un dito
Borgo Ripa, un magnifico giardino nel cuore di Trastevere
Le Dolomiti più belle che mai, a bordo di una spider storica per la gara Stella Alpina
Aperitivi per tutte le ore del giorno al Rome Cavalieri Waldorf Astoria, il “resort” nel cuore di Roma
Flow Trail in Val Gardena, scivolare in bici senza fatica tra le montagne
Rodi: in Grecia per un tuffo in mare e nella storia

Tags:

Non ci sono ancora commenti

    Instagram

    Chi siamo

    sorelle su marte - sorelle - Chi siamoNon siamo solo sorelle. Siamo quasi “gemelle”. I nostri genitori sono stati così attenti da farci nascere lo stesso giorno, il 5 luglio, a distanza di 3 anni l’una dall’altra. Romane di nascita, cresciute sempre insieme nella “Città Eterna”, abbiamo vissuto nella stessa stanza condividendo sogni e aspirazioni fino a quando le nostre vite hanno […]Leggi di più

    Contatti

    Per contattarci, scrivi all'indirizzo info(at)sorellesumarte.it

    Categorie