Valdichiana senese: borghi, scoperte archeologiche, enogastronomia

Scritto da  Laura  in 

Quando si parla di Valdichiana si pensa subito alla carne chianina e agli outlet di moda. Ma sono solo due aspetti di un territorio denso di cultura e suggestioni che la regione Toscana ha deciso di trasformare in brand turistico.

La Valdichiana senese abbraccia dieci comuni che occupano il sud della regione, al confine con Lazio e Umbri: Cetona, Chianciano Terme, Chiusi, Montepulciano, San Casciano dei Bagni, Sarteano, Sinalunga, Torrita di Siena e Trequanda sono i borghi della Valdichiana senese, tappe ideali di un tour di 3-4 giorni che potrete disegnare con i suggerimenti di Valdichiana Living, il tour operator ufficiale della destinazione con sede in Piazza Grande a Montepulciano.  

L’itinerario proposto è un viaggio alla scoperta del territorio attraverso storie di donne, imprenditrici, personalità e volontarie che contribuiscono con passione alla promozione turistica e culturale di questo affascinante territorio raggiungibile in treno Intercity o regionale (la fermata è Chiusi-Chianciano) o in auto (uscita dell’A1 Chiusi-Chianciano).         

Valdichiana senese
Valdichiana senese
Mappa della Valdichiana senese
Mappa della Valdichiana senese

Valdichiana: Montepulciano, culla del vino nobile e dell’arte internazionale

Il tour può idealmente partire da Montepulciano famosa perché ben 8 cantine vinificano nel centro storico del borgo. Palazzo Contucci è un’istituzione. Con i suoi 500 anni di vita, dalla fine dell’Ottocento è diventato anche una cantina che produce 100 mila bottiglie l’anno. Il suo nobile DOCG (si chiama così questo tipo di vino perché era bevuto dai nobili) è stato inserito dalla rivista Wine Enthusiast  tra i primi 100 vini del mondo. https://www.contucci.it/it/

Piazza Grande a Montepulciano
Piazza Grande a Montepulciano

Eleonora Contucci, una delle eredi di famiglia, si divide tra l’attività di imprenditrice vinicola e la professione artistica di soprano.  Il palazzo accoglie nella sala delle feste gli affreschi settecenteschi di Andrea Pozzo. La residenza Contucci è anche un B&B. https://www.residenzecontucci.it/lalcova-della-ninfa/

Fin da giovanissima Eleonora ha seguito l’organizzazione del Cantiere Internazionale dell’arte di Montepulciano fondato 47 anni fa dal compositore contemporaneo Hans Werner Henze, morto10 anni fa. Durante l’edizione di esordio del festival fu eseguita per la prima volta al mondo l’opera Pollicino ed Eleonora cantava tra le voci bianche.

https://www.fondazionecantiere.it/it/

Valdichiuana: gli allevamenti di carne chianina

La Tenuta La Fratta è una storica fattoria nella zona di Sinalunga e uno dei più noti allevamenti di carne chianina concentrati soprattutto nella zona di Arezzo e Siena. Tenuta La Fratta è stata anche il set cinematografico del film Pinocchio di Matteo Garrone. La marchesa Galeotti Ottieri Della Ciaja è proprietaria insieme alle altre 4 sorelle dell’azienda composta anche dalla Locanda dove dormire e dal ristorante La Toraia.

Tenuta La Fratta a Sinalunga
Tenuta La Fratta a Sinalunga

La famiglia risale al 1200 ma è nel Rinascimento che si sviluppa l’attività articolata su 12 diversi poderi chiamati i 12 apostoli. Negli anni ’30 fu creata una selezione della razza chianina, il bovino più grande al mondo. Ma cosa rende speciale e così pregiata la carne chianina?

Innanzitutto è molto magra e ha un apporto calorico limitato (100 grammi forniscono 110 Kc), ma a differenza delle carni bianche è molto più ricca di ferro, contiene pochissimo colesterolo e grassi buoni capaci di aumentare la sintesi di colesterolo buono.

https://www.tenutalafratta.it/

Tenuta La Fratta, allevamento di chianina
Tenuta La Fratta, allevamento di chianina

Poco distante dalla Tenuta la Fratta a 𝗠𝗼𝗻𝘁𝗲𝗳𝗼𝗹𝗹𝗼𝗻𝗶𝗰𝗼 incontriamo l’azienda Bramasole Tuscany Perfume, circondata da filari di lavanda e piante aromatiche: propone tour dei profumi attraverso 10 fragranze artigianali che risalgono alla tradizione di Caterina dei Medici. https://bramasoleperfumes.com/

Valdichiana: palazzo Brandano a Petroio: ospitalità e volontariato

Palazzo Brandano a Petroio è un esempio virtuoso di accoglienza grazie allo spirito di volontariato. Un gruppo di giovani residenti nel piccolo borgo ha creato una cooperativa di comunità per la gestione di questa struttura in pietra e mattoni dal fascino antico.

A turno, in base a inclinazioni e competenze e nel tempo libero lasciato dalle rispettive professioni (c’è chi si occupa di immobiliare, chi lavora nelle costruzioni, chi fa l’ingegnere gestionale) portano avanti le 8 camere molto confortevoli e ben arredate e il ristorante di Palazzo Brandano da Bartolomeo che propone piatti della tradizioni come pici all’aglione o tagliata di chianina rivisitati dallo chef.

Tutti gli introiti sono reinvestiti in nuovi progetti, i ragazzi non percepiscono alcun guadagno. Ma il loro merito è l’aver dato un’identità al piccolo comune di Petroio dove non c’è neppure un negozio o un bar, impedendone lo spopolamento. Molto suggestivo l’aperitivo al tramonto sulla terrazza sotto i torrioni del palazzo con vista sulle colline della Val d’Orcia e della Valdichiana, oppure il risveglio yoga al mattino sempre sulla terrazza con Sara Goracci, un’insegnante professionista e una guida naturalistica.

https://www.palazzobrandano.it/it

La vista da Palazzo Brandano a Petroio
La vista da Palazzo Brandano a Petroio

Altra esperienza proposta da Valdichiana Living è un giro in e-bike di un’ora alla scoperta della necropoli etrusca di Sinalunga con il Gruppo Archeologico Sinalunghese. La zona è ricchissima di insediamenti di epoca pre-romana. Se ne trovano ovunque, anche dentro le ville private. A San Giustino, in una residenza cinquecentesca di proprietà di un manager olandese è in corso lo scavo di una tomba etrusca. Con un po’ di fortuna e faccia tosta potrete essere accolti dal proprietario Robert Routs che vi mostrerà il luogo e vi offrirà da bere.

Di grande interesse è il Museo Archeologico di Chianciano Terme. E’ considerato uno dei musei etruschi più completi sia per la ricchezza degli oggetti esposti sia per il suggestivo allestimento che racconta la vita e la civiltà etrusca. E’ gestito da un gruppo di volontari che con passione mettono a disposizione il loro sapere. Paolo dell’Agnello è un geologo e durante la visita ci ha mostrato numerosi esemplari di canopi, vasi con il coperchio dalla forme umane che contenevano le ceneri dei defunti e una selezione di gioielli d’oro realizzati dagli etruschi con la tipica tecnica della granulazione. www.museoetrusco.it

Museo Archeologico di Chianciano Terme
Museo Archeologico di Chianciano Terme

Per una sosta gourmet Valdichiana Living consiglia il Grillo è Buoncantatore nel centro storico di Chiusi gestito da Tiziana Tacchi, premiata da Slow Food come migliore Ostessa d’Italia. Un’altra figura femminile che contribuisce alla promozione e valorizzazione del territorio. Ogni mattina chiama i suoi fornitori chiedendo disponibilità di prodotti a chilometro quasi zero, tranne la manna, uno zucchero vegetale che arriva direttamente dalla Sicilia. https://ilgrilloebuoncantore.com/

Valdichiana: San Casciano dei Bagni e il Santuario di Apollo ritrovato

Con le sue 42 sorgenti termali ad una temperatura di 40 gradi San Casciano dei Bagni è considerato il sito termale più importante d’Italia. Fin dall’epoca romana le terme hanno attratto visitatori illustri e investimenti. Le hanno frequentate l’imperatore Augusto e molti personaggi famosi. Un territorio naturalisticamente ricco con i suoi calanchi, le colline mozzafiato e la generosità dei prodotti del territorio.

Il Bagno Grande di San Casciano dei Bagni
Il Bagno Grande di San Casciano dei Bagni

Il comune propone una visita archeologica di grande interesse che parte dalle Stanze Cassianensi in Piazza della Repubblica dove sono esposti i reperti rinvenuti durante la campagna di scavi archeologici – eseguiti nell’estate del 2020 – dell’area del Bagno Grande di San Casciano che hanno portato alla luce un santuario romano di età imperiale. Tra i reperti visitabili gli straordinari altari iscritti con i nomi delle divinità venerate nel santuario: Apollo, Fortuna Primigenia e Iside. E una statua in marmo finemente scolpita che rappresenta Igea.

Il Santuario Ritrovato a San Casciano dei Bagni
Il Santuario Ritrovato a San Casciano dei Bagni

Ogni sabato mattina è invece possibile effettuare visite guidate nell’area archeologica del santuario di Apollo con l’Associazione Euthyiche Avidiena. In un orto abbandonato dietro il Bagno Grande dove i turisti si immergono tutti i giorni i lavori di scavo hanno portato alla luce un santuario etrusco romano di 2 mila anni con una piscina, lunga 10 metri e profonda 4, e un portico.

Si tratta di una scoperta assolutamente eccezionale per la zona come ci ha spiegato il coordinatore della campagna di scavo Emanuele Mariotti che considera questo ritrovamento la punta di un iceberg dalle proporzioni immense. Le campagne proseguono e non si escludono nuove scoperte nei mesi a venire. Per ora all’interno del sito che venne abbandonato nel V secolo dopo Cristo per l’impossibilità di restaurarlo, sono stati rinvenuti in perfetto stato di conservazione moltissimi reperti tra cui 2600 monete.

www.sancascianolinving.it

Valdichiana: Cetona, il buen retiro dei vip tra preistoria e borghi diffusi

A una ventina di chilometri da San Casciano dei Bagni si trova Cetona entrata nella classifica dei borghi più belli d’Italia. In passato ha incantato intellettuali e viaggiatori. Oggi è il buen retiro di vip, imprenditori, personaggi del mondo dell’economia, cultura e moda come lo stilista Valentino. Pochi sanno che è anche un sito di insediamenti preistorici. Nell’edificio sede del Comune troverete un piccolo ma interessante museo dedicato ai ritrovamenti di epoca preistorica. A Cetona il sindaco Roberto Cottini di professione avvocato, accoglie tutti i visitatori che ne facciano richiesta nelle sale di Palazzo Minutelli che ospita scenografici affreschi dei primi dell’800.

Sempre il sindaco è disponibile, impegni permettendo, a farvi scoprire questo borgo lastricato di pietra, ben tenuto e super panoramico passeggiando fino alla rocca medievale da cui si gode un’impareggiabile vista della zona punteggiata di ulivi, pini e cipressi.   

La cooperativa CetonAccoglie fondata da un gruppo di volontarie organizza visite e pacchetti di accoglienza.

https://www.comune.cetona.si.it/

Cetona, vista sulla campagna
Cetona, vista sulla campagna

Ai piedi del Monte Cetona si trova il borgo diffuso di Camporsevoli, storica proprietà della famiglia Grossi dalla metà del XIX che da allora accoglie amici ed ospiti da tutte le parti del mondo. Un borgo totalmente privato (la cosa fa un certo effetto!) costituito da un nucleo centrale con edifici in pietra, la zona ristorante e una serie di appartamenti e ville indipendenti, affittati con il servizio di cooking su richiesta. Luoghi molto ricercati soprattutto dagli stranieri che coronano il loro sogno d’amore riservando l’intero borgo per matrimoni o feste esclusive.

https://www.camporsevoli.it/

Altro borgo diffuso di grande charme è il Monteverdi Tuscany, a Castiglioncello sul Trinoro, di proprietà dell’americano Michael Cioffi di Cincinnati. Un boutique hotel di lusso affacciato sulla Val d’Orcia, progetto che di fatto ha salvato il piccolo borgo dalla rovina trasformandolo oggi in una destinazione super esclusiva. Dispone di 20 camere e 3 ville, una piscina nascosta e un ristorante panoramico. E’ in via di apertura anche un altro ristorante aperto ad ospiti esterni mentre la Spa è stata recentemente rinnovata e ampliata. L’hotel anima la vita del borgo con un programma di eventi artistici e musicali.

www.monteverdituscany.com

Ultima tappa dell’itinerario in Valdichiana è 𝗦𝗮𝗿𝘁𝗲𝗮𝗻𝗼, un comune famoso per la concentrazione di associazioni culturali, ben 35. Da qualche mese ha aperto le porte ai turisti Palazzo Pio III dal nome del Papa che ha vissuto in questo edificio. I fratelli Chiara e Guido Pietrella proprietari dell’immobile hanno ristrutturato con gusto e attenzione del dettaglio le 3 suite dell’edificio oggi a disposizione del turista che ama una vacanza local senza rinunciare alle comodità. https://www.pioiii.it/

Ti è piaciuto Valdichiana senese: borghi, scoperte archeologiche, enogastronomia? Leggi anche:

In Costiera Amalfitana alla scoperta di Vietri sul Mare e le sue ceramiche
Viaggio nel Salento più insolito tra esperienze autentiche con CDSHotels
Viaggio a Nantes: cosa fare in 5 giorni tra Loira, Bretagna e Normandia fino a Mont Saint Michel

Tags:

Non ci sono ancora commenti

    Chi siamo

    Non siamo solo sorelle. Siamo quasi “gemelle”. I nostri genitori sono stati così attenti da farci nascere lo stesso giorno, il 5 luglio, a distanza di 3 anni l’una dall’altra. Romane di nascita, cresciute sempre insieme nella “Città Eterna”, abbiamo vissuto nella stessa stanza condividendo sogni e aspirazioni fino a quando le nostre vite hannoLeggi di più

    Contatti

    Per contattarci, scrivi all'indirizzo info(at)sorellesumarte.it

    Categorie